Stemma Centro Studi Internazionali 'G.B. Delfico' - Atri (Te)
  Skip Navigation Links

spacer

Segnaliamo

> News del mese di FEBBRAIO ’2014


il TRUST- NEGOZIO DELLA FIDUCIA NEL DIRITTO RUMENO (prof.Mauro Norton Rosati e Nicoleta Zaharia)


LA FIDUCIA (FIDUCIA) - UN NUOVO STRUMENTO GIURIDICO ECONOMICO

 

La regolamentazione della  fiducia  nel diritto romeno  (in base all'adozione di Nuovo Codice Civile) è emersa come un'evoluzione naturale nel contesto delle attuali realtà socio-economiche ed in considerazione delle tendenze relative alla europeizzazione del diritto privato.

            L'istituzione  della  fiducia è regolata non solo nel sistema di common law e di civil law, che ha adattato il trust, ma anche in altri sistemi giuridici come il Sud America, Africa, Asia, Australia.

            Fiducia è una novità come istituzione del diritto privato romeno, pero sotto aspetto terminologico il termine fiduciario non è nuovo traendo origine nel diritto romano.

            Con l'adozione del Nuovo Codice Civile romeno sono stati considerati in modo particolare  le istituzioni di diritto privato  necessarie all’attuale contesto socio-economico. 

            Il Nuovo Codice Civile rumeno definisce Fiducia come: ,, l’operazione giuridica con il quale uno o piu costituenti trasferiscono i diritti di proprieta, di superficie, di usufrutto, di uso, di servitu, di concessione ed altri diritti riconosciuti dalla legge, i diritti di credito, le garanzie od altri diritti patrimoniali,   oppure una serie di tali diritti, presenti o futuri  a uno o più  fiduciari che esercitano tali diritto con uno scopo ben preciso, a vantaggio di uno o più beneficiari. Tali diritti costituiscono una massa patrimoniale autonoma, distinta da altri diritti e obblighi dai patrimoni dei fiduciari”.

Il Nuovo Codice Civile prevede che i diritti che formano oggetto della fiducia possono essere trasferiti ad uno o più fiduciari.

               

 



Le caratteristiche della fiducia sono le seguenti:

- è stabilita dalla legge o dal contratto;

- ha un carattere complesso, oneroso;

- gestisce un trasferimento di proprietà;

-il patrimonio del costituente non passa nel patrimonio del fiduciario pero si costituisce come un patrimonio distinto e segregato.

Le parti del contratto di fiducia sono: il costituente ed il fiduciario.

1.Costituente può essere qualsiasi persona fisica o giuridica, ma la qualità di fiduciario  può essere solo riferita a  determinati enti : istituti di credito, società di investimento e di gestione degli investimenti, società  di servizi di investimento finanziario, società  di assicurazione e di riassicurazione.

Il costituente può nominare un terzo a rappresentare i suoi interessi e ad esercitare i diritti derivanti dal contratto di fiduciario.

Tuttavia, la qualita di costituente  può essere posseduta anche  dai  notai ed avvocati.

2. Il Fiduciario ha potere decisionale sulla massa patrimoniale fiduciaria, ha il diritto di essere pagato, ma ha anche l'obbligo di essere responsabile davanti al costituente, beneficiario od al rappresentante del costituente.Il fiduciario  deve essere chiaramente indicato nel contratto di fiducia, a pena di nullità, poiche nella  legislazione romena non può essere trovata la possibilita  di identificare il fiduciario dopo la stipulazione del contratto.

Se il fiduciario causi dei danni alla massa patrimoniale attraverso atti di conservazione o di gestione, questa responsabilità implica l'applicazione dell'obbligo di risarcimento solo con gli altri diritti contenuti nel patrimonio del fiduciario, tutto in virtu della separazione del patrimonio.

Il fiduciario non agisce come garante, ma come custode e gestore del patrimonio fiduciarie di terzi.


 

Il Nuovo Codice Civile  prevede che può essere beneficiario : il costituente, il fiduciario od  una terza persona. Se il beneficiario non è designato nel contratto e viene successivamente designato,  tutto questo viene fatto con atto scritto e registrato nelle medesime condizioni del contratto principale.

Il beneficiario è la persona fisica o giuridica che riceverà il beneficio dei beni che compongono la massa  patrimoniale fiduciaria  e a volte anche i beni che costituiscono l’oggetto della fiducia. Esso  fa parte dalla struttura tripartita  dell'istituzione  della  fiducia, ma non è parte dal  contratto fiduciario cosi come e’ il costitutente o fiduciario, essendo solo un terzo, ai sensi del diritto delle obbligazioni.

Dalla data in cui il contratto e’ stato stipulato, il beneficiario acquisisce il diritto di esigere contro il fiduciario, ma nel ipotesi in cui la fiducia e’ stata stipulata a scopo di transferire al beneficiario un determinato bene , quest’ ultimo acquisirà il diritto di esercitare una azione di rivendicazione .

 

Il contratto  fiduciario, a pena di nullità, deve contenere:

-i diritti di proprieta, di superficie, di usufrutto, di uso, di servitu, di concessione ed altri diritti riconosciuti dalla legge, i diritti di credito, le garanzie  e tutti gli altri diritti di patrimonio trasferiti;

-il periodo  di trasferimento, che non può superare i 33 anni dalla data della sua stipulazione.

- l’identità del costituente o costituenti;

- l’identità del fiduciario;

- l’identità del beneficiario o dei beneficiari o almeno le regole per la loro determinazione;

- lo scopo della fiducia, i poteri di gestione del fiduciario;

-le condizioni in cui  il fiduciario risponde innanzi al costitutore nei confronti  ai suoi obblighi;

 

 


 

 

 

 


 

Tale contratto deve contenere, a pena di nullità, tutti gli elementi previsti dal Nuovo Codice Civile.

            Il NCC prevede l’obbligo di iscrizione del contratto di fiducie agli organi  di amministrazione finanziaria  a pena di nullità, entro 30 gg dalla data della stipulazione. Organo fiscale e’ competente  amministrare gli importi dovuti da fiduciario.

 

Per quanto riguarda i diritti reali immobiliari, quando sono parte dalla massa fiduciaria patrimoniale che  costituisce l’oggetto del contratto, il contratto viene registrato nel reparto specializzato della competente autorità governativa locale competente per la gestione degli importi dovuti ai bilanci locali della zona dove l'immobile  si trova, con l'applicazione delle disposizioni del catasto.

Il Registro Nazionale delle  Fiducie  garantisce l’opponibilità ai terzi del contratto.

Alla cessazione del contratto, la massa patrimoniale si trasferisce al beneficiario, ed in sua assenza al disponente ma la fusione dei patrimoni  sarà effettuata solo dopo il pagamento di eventualio oneri e debiti.

Se contro  la fiducia si  apre  una procedura di insolvenza, il patrimonio fiduciarie non è coinvolto.

 

 

 

 

 

 


 

 


admin
Stampa Pubblicazione: 24/02/2014
Ultimo aggiornamento: 24/02/2014

FINANZIAMENTI ALLE MICROIMPRESE IN ROMANIA ( dott.ssa NICOLETA ZAHARIA) partner BTS ROSATI LAW FIRM


  


 

LE MICROIMPRESE. FINANZIAMENTI U.E. 2014-2020


Le microimprese, le piccole imprese e le medie imprese  (denominate IMM) svolgono un ruolo centrale nell’economia europea. Esse sono diventate sempre più importanti nella nostra società come fornitori  di opportunità di lavoro ed elementi importanti per il benessere delle comunità locale e regionale.
Il sostegno alle IMM è pertanto una delle priorità della Commissione europea per
conseguire la crescita economica  e la coesione economica e sociale.

Secondo il Codice fiscale romeno le microimprese sono definiti come : ,,  quelle persone giuridiche romene  che  al  31 dicembre,  soddisfano  cumulativo le seguenti condizioni:
-realizzano redditi,  diversi da quelli delle attività bancarie, assicurazioni e riassicurazioni, mercati dei capitali (ad eccezione solo le persone giuridiche che svolgono  attività di intermediazione in queste aree) nel campo del gioco d'azzardo, di consulenza e di gestione;
- il reddito realizzato non superi l'equivalente in RON di euro 65.000;
-il capitale sociale  è detenuto da soggetti diversi dalle autorità statali e locali.
Le Norme modificate del Codice Fiscale dispongono che nel caso in cui, durante l'anno fiscale, se una microimprese  realizza i redditi superiori a 65.000 €  è tenuta  ad  informare l’autorita fiscale  che il suo fatturato ha superato tale limite, entro 30 giorni dalla data in cui questo avviene presentando una dichiarazione alla stessa autorita.
Il massimale di 65.000 € è calcolato sommando i redditi provenienti da qualsiasi fonte da cui si sottrae :
-i redditi relativi ai costi  del stock di prodotti;
-i redditi relativi ai costi dei servizi in corso di esecuzione;
- i redditi provenienti  dalla produzione di immobilizzazioni materiali e immateriali;
- i redditi provenienti  dalle suvvenzioni  di gestione
-i redditi provenienti di accantonamenti e rettifiche per deprezzamento e perdite di valore;

-i redditi provenienti dal rimborso od annulamento  di interessi e / o penali per il ritardo,  che sono stati spese non deducibili ai fini del calcolo dell'utile imponibile;
-i redditti provenienti  da risarcimento da assicurazione / riassicurazione, per i danni ai beni di tipo stock oppure  dagli immobilizzazioni materiali.
Il tasso di cambio per la determinazione del controvalore in euro è quello della finanziaria di fine anno.
  Dal 2014  le microimprese possono  scegliere  il sistema di IVA applicabile al momento di incasso e tuttavia sono cambiate le condizioni  in cui si applicano le imposte sui redditi ed i tipi di redditi  per i quali si  pagano le imposte.
La possibilità di scegliere per il sistema di riscossione dell'IVA è una misura che sostiene attività e, soprattutto, delle piccole e medie imprese  che non superano un  fatturato di  2,25 de milioane  lei,  all'anno.
  Il sistema di IVA applicabile al momento di incasso e’ uno facoltativo,  ciò significa che le piccole imprese hanno la possibilità di valutare se il rinvio dell'IVA da pagare al incasso delle fatture rappresenta un vantaggio per il loro flusso di cassa  o meno.
  Inoltre,  dal 2014 la base imponibile a cui si applica l’imposta sui reditti delle microimprese e’ stata modificata nel senso:
- i reditti da sovvenzioni agli investimenti non sono inclusi nella base imponibile;
- i redditi derivanti da differenze di cambio valutare derivanti dalla rivalutazione del saldo in valuta e dalla  rivalutazione dei crediti  ed  i debiti in valuta  non sono presi in considerazione  allora quando si fa il colcolo delle imposte  sul reddito delle microimprese, così è tassato la differenza netta risultante dalla differenza di cambio valutare;
- i redditi derivanti dagli sconti ricevuti dai fornitori si aggiungono alla base imponibile e sono detratti dalla base imponibile gli sconti commerciali concessi dopo la fatturazione, dunque è tassata la differenza tra di loro.



Se la vostra societa  ha raggiunto un livello di sviluppo che rende non applicabile le imposte sul reddito delle microimprese (fatturato annuo superiore a euro 65.000)  significa che si sta pagando imposta imposta sull'utile.

Dal 1 ° gennaio 2014 entra in esecuzione il  megaprogramma  UE "Orizzonte 2020" del valore di 80 miliardi euro  disponibili in 7 anni (2014-2020 destinati per il finanziamento della ricerca e dell'innovazione in UE.
Dal questo programma per  IMM glie e’ stata assicurata un finaziamento  di  8,6 mld. euro.
Le IMM  romene innovative possono ricevere dalla Commissione europea sovvenzioni tra € 50.000 e € 3.000.000 ciascuna nell'ambito di un nuovo strumento di finanziamento per le piccole e medie imprese.
Per poter beneficiare di un finanziamento, le  IMM devono solo venire con un'idea innovativa che avrà un impatto nazionale od  europeo.

Dott.ssa Nicoleta Zaharia.















--------------------
Fonte: Il Codice Fiscale Romeno modificato, le informazioni pubblicate su sito del Ministero dell'Economia, Commercio e Affari


 


 

ADMIN
Stampa Pubblicazione: 4/02/2014
Ultimo aggiornamento: 4/02/2014
 

 
 
 
 
 
Centro di Studi Internazionali "G.B. Dèlfico" © 2009 - 2021  — web project by A.M.
 
Bookmark and Share